“Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore”

Art. 54 della Costituzione Italiana

martedì 30 aprile 2013

1 Maggio: Festa del Lavoro



Ricordiamo la festa dei lavoratori nello spirito di gioiosa convivialità di sempre, ma anche con l'amarezza che ci proviene dai recenti dati sul lavoro che segnalano l’aumento della disoccupazione (+401mila), in particolare di quella giovanile (più di uno su tre è senza lavoro) e di quella femminile (51mila unità in meno rispetto all’anno scorso).

domenica 28 aprile 2013

Fai "girare" i libri




Sabato 4 maggio partirà un'iniziativa di bookcrossing, o "passalibro". Chi ha libri che vuole condividere o far girare, è invitato a portarli martedì 30 dalle ore 18:00 alle ore 20:00  nella nostra sede in via Fratti (vicino Piazza Trieste)Da sabato saranno regalati per le vie della città e troveranno nuovi lettori!

sabato 27 aprile 2013

AVVISO IMPORTANTE SULLA NOMINA DEGLI SCRUTATORI

Per il 3 maggio è convocata la commissione di nomina degli scrutatori.
Membri effettivi: De Antoniis, Benci, Pepe - Il Sindaco presiede
Membri supplenti (prenderanno parte alla commissione solo in assenza dei membri effettivi): Gagliano, Rocchi

La modalità  di nomina che si propone è quella spiegata nel comunicato di cui forniamo il link!

http://lacoalizione2013.xoom.it/


mercoledì 24 aprile 2013

Riflessioni sulla resistenza


"Questa è ... la grande eredità ideale che la Resistenza, anche quando i suoi eroismi saranno trasfigurati dalla leggenda, avrà lasciato al popolo italiano come viva forza politica del tempo di pace: il senso della democrazia; il senso del governo del popolo: del popolo che vuole governare da sè, che vuole assumere su di sè la responsabilità di governarsi, che vuol cacciare via tutti i tiranni, tutti i padroni, tutti i privilegiati, tutti i profittatori, e identificare finalmente, in una Repubblica fondata sul lavoro, popolo e Stato"            

Piero Calamandrei, Uomini e città della Resistenza.



La Resistenza non fu soltanto uno sforzo eroico per sterminare i carnefici, per ricacciare nell'inferno i mostri della barbarie; fu anche un impegno costruttivo di lavorare pacificamente su una strada aperta per la conquista di una vera democrazia. Tra i morti della resistenza vi erano seguaci di tutte le fedi: ognuno aveva il suo Dio, ognuno aveva il suo credo: e parlavano lingue diverse, e avevano pelle di diverso colore: eppure, nella libertà e nella dignità umana, si sentivano fratelli: e quando si trattò di difendere questi beni, ognuno fu pronto, nonostante la diversità della fede e di nazione, a sacrificarsi per il fratello.
Essi dunque non ci insegnarono a distruggere la diversità delle idee, perchè essi morirono proprio per abbattere il totalitarismo che distrugge la dignità della persona, quella dignità che si esprime nella libertà di pensiero; ma volevano incuorare tutti gli uomini di buona volontà, anche se di idee diverse, a lavorare insieme per la verità e le idee."                   

Piero Calamandrei, Uomini e città della Resistenza

martedì 23 aprile 2013

Celebrazione 25 Aprile 2013



Alle ore 10.30, presso il monumento dei caduti in via della Libertà, la città di Santa Marinella ricorderà il 25 aprile, festa della Liberazione d'Italia dall'occupazione tedesca e dalla dittatura.
Si invitano i cittadini a partecipare numerosi per onorare chi ha combattuto per la libertà e per la nostra costituzione!



lunedì 22 aprile 2013

World Earth Day


"Lunedi 22 aprile si svolge in tutto il mondo il World Earth Day, la Giornata mondiale per la Terra, voluta per la prima volta dall'Onu il 22 aprile 1970
per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali del pianeta.

Il nostro pianeta non basta più per tutti noi, e la cattiva notizia è che non ne abbiamo un altro. Se questa affermazione suona paradossale, tuttavia i dati mostrano che se i 7 miliardi di persone che popolano la terra conducessero gli stili di vita del cittadino medio occidentale, oggi un solo mondo non sarebbe sufficiente per tutti: sarebbero necessari 1,5 pianeti."

  Earth Day 2013

La Lista "Un'altra città è possibile" si impegna a segnare profondamente in tale direzione le sue scelte politiche.

martedì 16 aprile 2013

Sulla Commissione Elettorale


Apprendiamo dai giornali che il movimento L’Ancora ha protocollato una proposta alla commissione elettorale per la scelta degli scrutatori. Anche noi abbiano protocollata la nostra già da giorni, senza ricevere nel frattempo  risposta. Lo spirito della nostra proposta è duplice:  da una parte evitare le “spartizioni”, dall’altra  quello di favorire chi si trova nelle condizioni di precarietà economica. Per questo motivo abbiamo proposto un sorteggio (equo e imparziale) da eseguirsi in due gruppi:  gli iscritti  che hanno meno di 30 anni e gli altri, presumendo che nel primo gruppo si trovino molte situazioni di precarietà economica. Ora L’Ancora propone che chi si trova nelle condizioni di disagio, possa fare domanda al Comune. Vorremmo precisare delle cose, rispetto questa proposta che rischia di risultare demagogica e  generare false speranze.  Intanto il movimento consiglia di andare a ritirare presso la sede dell’Ancora dei “fac-simili” della domanda, mentre fac-simili del genere  non esistono ufficialmente, né possono esistere. Formalmente l’’ufficio non solo non può a norma di legge prendere in considerazioni tali proposte, ma crediamo che  potrebbe incorrere in denunce se lo facesse.
Se domanda deve essere, va chiarito che  si tratta di una semplice autocertificazione in cui si precisa di essere iscritti alle liste  degli scrutatori e di trovarsi nella condizione di disoccupato o inoccupato.
La domanda quindi non va indirizzata né all’ufficio, né al sindaco, ma semmai a tutti i membri della commissione elettorale.
A questo punto noi siamo d’accordo che tali autocertificazioni siano prese in considerazione, ma sempre e solo attraverso il sorteggio, poiché in caso contrario si ripresenterà il film già visto: comunque una spartizione. A parità di domande, chi può sindacare che un cittadino disoccupato abbia più o meno bisogno di un altro?

I consiglieri di Minoranza

sabato 13 aprile 2013

Raccolta firme per la sottoscrizione della lista dei 16 candidati


Caro amico, cara amica,
ti invitiamo a firmare per sottoscrivere la Lista dei 16 candidati di “Un’Altra città è possibile”, proposti alla carica di consigliere comunale.

Ti aspettiamo domenica 14 Aprile dalle ore 10:30 alle ore 13;00 nella sede di via fratti (tra piazza Civitavecchia e piazza Trieste) dove potrai anche conoscere i nostri candidati.

Con l’occasione ti ricordiamo che:
nelle prossime elezioni amministrative di domenica 26 e lunedì 27 maggio 2013 la Lista civica “Un’Altra città è possibile” si presenta nella coalizione 2013 a sostegno del candidato sindaco Massimiliano Fronti;

REGOLE PER LA RACCOLTA FIRME
Possono firmare tutti cittadini residenti, iscritti nelle liste elettorali di Santa Marinella.
Ogni cittadino può sottoscrivere una sola lista tra tutte quelle in competizione (pena l'ammenda da 200 a 1.000 euro applicata al cittadino che dovesse firmare per più liste).
ogni sottoscrittore dovrà rilasciare nome, cognome, luogo e data nascita ed estremo del documento (Carta d'identità o Patente di guida - non viene accettato il passaporto);
ogni firma deve essere autenticata da un ufficiale di stato civile (anagrafe) o da un consigliere.

La tua firma per noi è importante: ci dimostra il tuo sostegno e ci consente di partecipare alla competizione elettorale.
Ti aspettiamo quindi domenica 14 Aprile dalle ore 10:30 alle ore 13:00

La Coalizione2013 per Santa Marinella e Santa Severa



mercoledì 10 aprile 2013

Un Consiglio "Last Minute"


Un Consiglio Comunale “last minute” ha sancito la fine di una maggioranza inefficiente e lontana dai bisogni della città: questa ci sembra il risultato più chiaro della seduta di ieri.  A 35 ore dal termine fissato dalla legge per le scelte politiche del Consiglio, la Maggioranza ha convocato una seduta con 11 punti all'ordine del giorno di cui  5 importantissimi.  Lo  ha fatto senza riuscire a mantenere il numero legale perché ormai le inefficienze sono tali e talmente intollerabili, talmente grandi le contraddizioni interne che la maggioranza stessa si è sbriciolata sotto gli occhi di noi tutti. Naturalmente ogni cosa (dalle delibere, al disfacimento della maggioranza) è stato fatto in modo del tutto tardivo e lesivo degli interessi della città.
 Le stesse uscite di Galletti e Fratturato appaiono a questo punto finalizzate alla compagna elettorale, mentre se fossero avvenute al tempo giusto avrebbero risparmiato alla città mesi di stallo e di arroganza, la stessa che sembra muovere ora la maggioranza in questo finale di partita. E del resto non ci sembra che Fratturato o Galletti si siano distinti per efficienza. In particolare nei 5 anni trascorsi  sono totalmente mancate azioni degne di una politica culturale viva e legata al turismo. Tornando al Consiglio, in più occasioni in questi 5 anni la Minoranza ha garantito il numero legale, ma stavolta è stata la Maggioranza stessa a impedire questo atto.  Nessun amministratore serio avrebbe portato in consiglio  1 giorno prima del suo scioglimento naturale, in piena campagna elettorale, 2 delibere di varianti urbanistiche tutt'altro che “puntuali” , ma estese e di grande impatto  sulla  città,  questioni necessarie che la prossima amministrazione dovrà senza dubbio affrontare, ma in modo serio e non improvvisato come ci è parso, a un giorno dalla chiusura dei giochi.
La maggioranza Bacheca ha avuto 5 anni per ridisegnare le regole urbanistiche,  dare risposte ai cittadini di Perazzeta e Guardiole, Santa Severa: non l’ha fatto perché in questi anni ha avuto orecchie solo per piani integrati e accordi con i privati. Ha poi pensato bene di andare a mendicare consenso elettorale con delibere dell’ultima ora, prive di pareri necessari e destinate  a fallimento nell’iter in Regione. Questo sarebbe  il senso di responsabilità della giunta Bacheca . Per non parlare poi delle altre delibere inserite nel Consiglio “Last minute”.
La maggioranza Bacheca ha avuto 5 anni per rendere forte la Multiservizi e almeno 1 anno per cercare una soluzione solida al pericolo di chiusura. Non ha fatto niente di tutto ciò. Dopo l’assemblea pubblica del comitato, ha avuto 2 mesi per portare in Consiglio la delibera sul castello di Santa Severa, e si è guardata bene dal farlo. Ha avuto  3 mesi per portare quella sulla  nomina dei revisori dei conti. Per mancanza di numero legale già due convocazioni fa, questa  delibera sui revisori dei conti non è stata approvata entro il 31 marzo, e questo significa che il documento sul patto di stabilità dovuto per legge entro questa data,  non ha la firma del collegio dei revisori, con le gravi conseguenze del caso, forse anche sulla multiservizi stessa.

Ora Bacheca fa la voce grossa e se la prende con gli altri per la mancanza del numero legale. La verità è che, dopo 5 anni, la maggioranza si è sgretolata sotto la propria stessa incapacità. Ha preso in giro i suoi elettori in quest’ultima farsa e si è mostrata per quello che è: una compagine di amministratori inefficienti e interessati solo alla gestione e alla riconquista del potere.

lunedì 8 aprile 2013

L'urtimo amico va via



Agli sgoccioli della consiliatura, nonostante 5 anni di tempo per affrontare bene  i problemi, dopo che per due volte è stato rimandato, la Maggioranza si presenta di nuovo in Consiglio domani martedì 9 aprile, con atti che avrebbero avuto bisogno di tempi giusti, di serietà e di solidità. Invece assistiamo ad  uno scapicollarsi all'ultimo secondo, in affanno, senza la sicurezza del numero legale. Una vicenda specchio dell'Amminstrazione Bacheca.

Differimento della seduta consiliare del 5 Aprile 2013


La seduta consiliare fissata per il 5 Aprile 2013 con gli ordini del giorno prot.. 6365 e prot. 6457 è stata rinviata al 09.04.2013.

La pubblicazione dell'avviso è reperibile sul sito del comune

mercoledì 3 aprile 2013